jueves, 27 de abril de 2017

IERI 23 MAGGIO, 25 ANNI, CARO FALCONE .E IL CERCHIO SI STRINSE SU FALCONE

di ALDO CAZZULLO

Nel saggio «L’assedio» (Einaudi), Giovanni Bianconi ricostruisce i giorni della strage
di Capaci e denuncia le manovre che isolarono il magistrato ucciso dalla mafiaE il cerchio si strinse su Falcone.
Nel saggio «L’assedio» (Einaudi), Giovanni Bianconi ricostruisce i giorni della strage
di Capaci e denuncia le manovre che isolarono il magistrato ucciso dalla mafia.


Anna Falcone, sorella di Giovanni, con un ritratto del fratello e della moglie saluta in lacrime un corteo (Ansa/ Ciro Fusco)

«Sui giornali del 30 gennaio 1992 i titoli più vistosi annunciano che i presidenti degli Stati Uniti e dell’ex Unione Sovietica, George Bush e Boris Eltsin, hanno concordato un disarmo bilaterale che dovrebbe portare al taglio di circa 2.500 testate nucleari. In Algeria c’è grande preoccupazione per gli attacchi militari sferrati dalle fazioni integraliste islamiche; in Somalia la guerra civile ha già provocato decine di migliaia di morti e folle di profughi ancora più numerose. In Italia i partiti affilano le armi. Andreotti lascia Palazzo Chigi con l’idea di trasferirsi al Quirinale dove Cossiga sta per chiudere il suo settennato…».


Uno aspetta i libri di Giovanni Bianconi anche per ricordarsi chi era, e cos’era il nostro Paese. Ad esempio il suo bellissimo racconto del caso Moro, Eseguendo la sentenza (Einaudi), comincia con la sera prima del rapimento, quando la Juventus supera i quarti di Coppa dei Campioni superando l’Ajax ai rigori. Altri libri hanno ricostruito tasselli mancanti al complesso e doloroso mosaico della storia italiana del dopoguerra: A mano armata sulla storia dei Nar e di Giusva Fioravanti; Ragazzi di malavita sulla banda della Magliana; L’attentatuni, scritto con Gaetano Savatteri, sulla strage di Capaci. Libri che hanno ispirato romanzi, film, serie tv, che sono entrati a far parte della cultura materiale italiana, senza che l’autore ambisse a salire sul palcoscenico, badando a conservare sempre il rigore e la precisione ben noti al lettore del «Corriere», e anche quel sorriso ironico appena accennato familiare a chi lavora con lui. Ora, con la stessa tecnica già applicata all’assassinio di Moro, Bianconi ricostruisce, sempre per Einaudi, il caso Falcone: L’assedio, da ieri in libreria. Una scrittura incalzante, tutta fatti, che racconta quasi giorno per giorno i mesi in cui si gioca la vita del magistrato simbolo della lotta alla mafia.

Quel 30 gennaio 1992 Giovanni Falcone è attratto in particolare da un articolo pubblicato a pagina 7 del «Corriere della Sera». È un reportage di Corrado Stajano da Palermo, «l’unica città al mondo dove sono stati assassinati tutti gli uomini dello Stato». Su quei «delitti eccellenti» Falcone ha indagato a lungo. Ha raccolto il testimone da alcuni di loro: Rocco Chinnici, Ninni Cassarà. Quel giorno da Palermo arrivano nuovi segnali di guerra: quattro o cinque persone sono sparite, segno che la pax mafiosa è finita. Falcone ormai è basato a Roma. Collabora con il ministro di Grazia e Giustizia, Claudio Martelli. Quel giorno, dopo una settimana di camera di consiglio, i giudici della Corte suprema di Cassazione dovrebbero emettere la sentenza che conferma o distrugge il maxiprocesso. «Per Falcone stanno per concludersi dieci anni di lavoro e di vita». Nelle stesse ore, Andreotti scandisce a Montecitorio il discorso di fine mandato per il suo governo e la legislatura. Un’epoca si chiude. La Camera ha appena fatto in tempo ad approvare la legge che istituisce la Procura nazionale antimafia, la «Superprocura» che Falcone ha immaginato e finalmente realizzato, per la cui guida è ora il candidato naturale……..


http://www.corriere.it/cultura/17_aprile_24/giovanni-falcone-saggio-l-assedio-einaudi-giovanni-bianconi-4f24077a-2908-11e7-a532-a1780cddea55.shtml

No hay comentarios:

Publicar un comentario